Elezioni 2018 ecco le nostre proposte

Le elezioni del nuovo Parlamento italiano, il prossimo 4 marzo, saranno l’ennesima occasione per verificare i programmi dei partiti nuovi e vecchi, sul tema diritti degli Animali.

Il nostro programma è volto a una Legislatura che finalmente dia spazio ai diritti degli Animali. Il parlamento dovrà prevedere un aggiornamento sui reati “contro” gli Animali, dovranno essere inasprite le pene attuali, prevedendo anche nuove circostanze aggravanti.

IL NOSTRO APPELLO AI NUOVI E VECCHI POLITICI CHE SI APPRESTANO AD ENTRARE IN PARLAMENTO:

  1. Riconoscimento in Costituzione di tutti gli Animali quali esseri senzienti e tutela dei loro diritti e del loro benessere. Gli Animali non sono oggetti, ma soggetti di diritto;
  2. la codificazione e il riordino delle norme a tutela degli Animali costituendo un Garante dei loro diritti a livello nazionale;
  3. modifiche al codice penale. E’ necessaria una modifica delle attuali leggi inserendo aggravanti e un inasprimento delle pene nei maltrattamenti e nelle uccisioni di Animali;
  4. abolizione della caccia senza se e senza ma;
  5. tutela penale per la fauna protetta, pene severe per chi uccide o cattura un esemplare protetto. Riacquistare, da parte dello Stato, le competenze sulla cura e la salvaguardia degli Animali in natura;
  6. divieto di utilizzare Animali in spettacoli, manifestazioni popolari, circhi, acquari e in qualsiasi altra circostanza in cui gli Animali vengono sfruttati;
  7. Divieto di utilizzare Animali per la trazione di veicoli adibiti al servizio di piazza e a servizi non di linea finalizzati al trasporto di persone.
  8. Divieto di allevamento di Animali per la produzione di pellicce.
  9. Una vera lotta al RANDAGISMO, obbligando i comuni al rispetto delle leggi in essere – disincentivando le attività che alimentano traffici e commercio di animali – istituendo un servizio sanitario veterinario nazionale agevolato – incentivando sgravi fiscali e non ultimo, detraibilità di spese sostenute per la cura di animali da compagnia, rideterminando l’aliquota IVA relativa all’acquisto di prodotti per l’alimentazione e la cura degli animali;

Associazione Animalisti Onlus

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati