Fuochi pirotecnici, belli ma ….

dead-birdEccoci nuovamente a trattare l’argomento dei fuochi artificiali, in estate, quasi tutte le cittadine e paesi festeggiano qualche Santo. Il 14 agosto poi non ne parliamo, fuochi d’artificio in tutte le località balneari e non solo.

Perchè i fuochi sono una nostra battaglia da sempre, perchè specialmente nel periodo estivo, molti animali e uccelli sono in piena fase di riproduzione e nidificazione; questo periodo è tutelato dalla legge 157/92 e dalle direttive europee che vietano ogni tipo di disturbo. Cosa succede ? molti uccelli e animali selvatici, spaventati dai botti, lasciano il nido con tutta la prole e non vi fanno più ritorno, impedendo di fatto la ripopolazione della specie. Ma c’è di più, molti animali, avendo un’udito molto sensibile, vanno a sbattere contro palazzi o finiscono sotto le macchine. Questo è quello che succede solitamente a capodanno e durante tutte le feste patronali.

A rischio sono pure gli animali domestici, cani e gatti. I mici, come è noto, sono particolarmente sensibili ai forti rumori e nei casi più gravi possono anche perdere la vita a causa del fortissimo stress indotto dalla paura: questo vale per gli amici a quattro zampe ospitati in famiglia come per quelli nei canili e nei rifugi.

Questi spettacoli a fini commerciali, che attraggono persone spesso non consapevoli dei danni che arrecano agli animali, dovrebbero essere vietati o quantomeno fortemente limitati, per creare una bella occasione di svago e di divertimento non occorre certo obbligare cittadini ed animali a fare i conti con il fragore dei botti. Agli organizzatori ed agli amministratori locali chiediamo come mai non siano in grado o non vogliano porre dei limiti a tali attività, mentre invitiamo caldamente gli amanti degli animali o chiunque abbia a cuore la loro sorte a non frequentare più i luoghi che ospitano spettacoli pirotecnici e anzi a boicottarli.

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati