Gli abbandoni estivi, non solo cani e gatti

Gli abbandoni estivi, non solo cani e gatti. In Italia con l’avvicinarsi delle ferie estive, molti “umani” abbandonano il compagno di vita nei posti più impensabili e non solo cani e gatti, ma conigli, tartarughe, porcellini d’india, criceti, furetti e una miriade di animali destinati a morte certa. Nonostante le molte campagne anti-abbandono delle associazioni, compresa la nostra, la mentalità dell’abbandono, purtroppo è ancora presente sul nostro territorio.

La ratio legis del reato di abbandono degli animali è un reato, l’elemento soggettivo del reato è la colpa. Il nostro ordinamento giuridico prevede e punisce l’abbandono degli animali con l’applicazione dell‘articolo 727 del Codice Penale:
“Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze“. L’abbandono è un maltrattamento ed è punito anche dall’Art. 544-ter.

L’associazione Animalisti Onlus, ha recuperato e portato nei giorni scorsi delle tartarughe (Testudo hermanni), protette secondo la convenzione di Washington con legge 19 dicembre 1975, n.874, negli uffici dei Carabinieri Forestali di Milano.
Il ritrovamento, avvenuto tramite segnalazione anonima negli uffici dell’associazione Animalisti Onlus di Milano, ha consentito il ritrovamento, in uno scatolone, delle testuggini. Le stesse sono state abbandonate da ignoti in un parcheggio adiacente il cimitero di Rozzano.
Il recupero è stato possibile poiché le tartarughe erano in pericolo di vita, – così il Presidente nazionale dell’Associazione Animalisti Alessandro Mosso – vi è la necessità – continua Alessandro Mosso – di attuare corsi formativi nelle scuole per consentire ai ragazzi di apprendere e capire il mondo animale. Da ottobre – conclude il presidente Mosso – inizierà un percorso formativo nelle scuole e nelle associazioni territoriali aderenti, da parte della nostra associazione con la supervisione nazionale della vice presidente Ruth Pozzi (vice commissario della Polizia Provinciale.

lo staff

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati