Indagati dalla Questura i 4 di Sangineto

Il 7 novembre scorso la Questura di Cosenza, su istanza dei Carabinieri, ha emesso misure preventive per i quattro indagati della morte di “Angelo”. Queste misure, secondo la Questura, non sarebbero legate al reato di uccisione di animale, sul quale indaga la Procura di Paola, ma sulla loro condotta, prima e dopo il grave fatto compiuto.

Secondo gli elementi raccolti dai carabinieri, i quattro avrebbero frequentato persone e luoghi, oltre a condurre uno stile di vita poco raccomandabile. Queste misure emesse dalla questura, obbligano i quattro calabresi a modificare i propri comportamenti e le frequentazioni.
Sembra che questo provvedimento, non sia legato alla vicenda di “Angelo”, fatto sta che non giocherà a loro favore per la denuncia a piede libero che li vede accusati di uccisione di animali in concorso. 

Comunque, certamente queste disposizioni rappresentano un’azione in parallelo al procedimento in essere. Infatti, la Procura di Paola la quale sta ancora indagando, non potrà non tenerne conto. Ad oggi ancora non è stata stabilita la data della prima udienza.

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati