Io e Giorgio negli allevamenti

Io e Giorgio negli allevamenti
Si può cambiare idea ?

L’onestà intellettuale di cambiare idea“, quante volte abbiamo sentito questa frase e abbiamo pensato “ma figurati, quello ha cambiato idea perché gli torna comodo“. Eppure uno dei primi uomini a cambiare idea fu San Tommaso. Non credette fino a quando non tocco con mano il costato di Gesù.

Quello che impariamo lo possiamo assorbire in due modi, il primo è per esperienza riferita da altri e il secondo credendoci per fede. Alcuni non credono in qualcosa per principio, non perché sappiano davvero se sia vero o falso. E allora si giunge a un crocevia, credere per fede o credere perché hai visto e toccato con mano?

L’animalismo e cioè l’empatia verso gli Animali è sotto gli occhi di tutti. Come puoi non credere alla sofferenza di un vitello ucciso davanti ai suoi simili o alla sofferenza di un maiale sgozzato. Come puoi pensare che un cane malmenato, preso a bastonate e ucciso non soffra come te.

Così Giorgio, antianimalista convinto e gran mangiatore di bistecche, quel giorno mi chiamò e mi disse che non capiva perché mi dessi tanto da fare per organizzare eventi di sensibilizzazione per la causa animalista.
Lo invitai a venire con me il weekend successivo a visitare alcuni luoghi. Lo portai presso alcuni allevamenti di maiali e mucche con annessi macelli.

Vide insieme a me, una gabbia lunga con i maiali in fila uno dietro l’altro, gli occhi di Giorgio erano impauriti, non quanto quelli terrorizzati dei maiali. Davanti a loro, un uomo gli dava una leggera scossa con un attrezzo e poi li appendeva per le zampe di dietro a dei ganci. Erano ancora coscienti quando veniva loro tagliata la gola con un coltellaccio. Le grida di un maiale impaurito somigliano a quelle di un uomo preso dal panico. I maiali appesi con la gola tagliata ancora si muovono e tentano di scappare, inutilmente, ormai qualche minuto e tutto sarà finito.

Quando eravamo in prossimità del terzo allevamento, Giorgio mi disse “Ok ho capito, andiamo a prendere un caffè che è meglio“. Giorgio ora è vegetariano, vuole diventare vegano e ci proverà, non riesce più a mangiare la carne. Non è diventato un attivista per i diritti animali ma continua a raccontare quella brutta esperienza “andate a vedere con i vostri occhi, altrimenti non capirete mai” continua a ripetere a tutti.

Perché ho raccontato questo episodio della mia vita? perché tutti possono cambiare, tu cosa aspetti?
Gli Animali sono esseri senzienti, sentono il tuo stesso dolore e soffrono come te, rispettali e rispetta te stesso, difendi la vita.

(anonimo)

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati