Massima condivisione per Angelo

angeloMASSIMA CONDIVISIONE

Questa è la petizione che porteremo al dott. Giordano Procuratore Capo di Paola. Vi preghiamo di stampare e far compilare accuratamente ai vostri amici tutti i dati e la firma, oppure potete firmare online con mail autentica, false mail invalideranno la petizione.

Sarà possibile firmare l’8 ottobre a Pavia in occasione del Corteo.live streaming film Get Out 2017

Partenza corteo ore 15,30 dal Ponte Coperto di Pavia, arrivo Piazza della Vittoria.
Sono graditi striscioni bandiere di tutte le associazioni e gruppi partecipanti.
Non sono ammessi atti di violenza di nessun tipo.
A Sangineto in provincia di Cosenza 4 “giovani” criminali impiccano un randagio “Angelo” amato da tutto il paese, lo bastonano, lo torturano e lo uccidono a bastonate con efferatezza e crudeltà estrema. Successivamente pubblicano il video sui Social Network, la rete e i cittadini italiani -e non solo- si indignano. Il video viene rimosso e in tutta Italia si muovono attivisti e associazioni organizzando presidi, cortei e proteste.

Il maltrattamento di animali, in diritto penale, è il reato previsto dall’art. 544-ter del codice penale ai sensi del quale: “1. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5 000 euro a 30 000 euro. 2. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. 3. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell’animale.“

Chiediamo alle autorità competenti di punire questi soggetti con il massimo della pena, rinchiudendo gli stessi nelle patrie galere a meditare sulla efferatezza delle loro azioni. Nel contempo chiediamo al governo di inasprire le pene per questi reati. Infatti, come dimostrato queste azioni portano ad azioni sempre più gravi e crescenti.
Giustizia per Angelo

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati