Non toccare il LUPO

#NonToccareIlLupo
Le richieste di abbattimento dei lupi che da mesi provengono da numerose Regioni impongono una presa di posizione di tutti i cittadini a difesa di questo magnifico predatore, tutelato da una legge nazionale e da direttive europee.

Le linee guida del’ISPRA prevedono l’attenuazione dei conflitti con il mondo degli allevatori mediante adeguati strumenti di prevenzione quali le recinzioni elettrificate e l’uso di cani da guardiania appositamente addestrati, che hanno dimostrato di funzionare se correttamente usati. Inoltre sono attivi in molte regioni appositi progetti di risarcimento dei danni ( LifeWolfAlps ) a riprova che lo Stato si preoccupa delle attività umane che possono entrare in conflitto con la presenza del lupo.

Non sono registrati attacchi all’uomo da parte del lupo da secoli mentre sono ben noti e quasi quotidiani episodi di uccisione di lupi mediante bracconaggio con armi da fuoco, avvelenamenti nonché ritrovamenti di esemplari massacrati e mutilati, esposti pure in luoghi pubblici alla vista di tutti. E pure molti attacchi al bestiame, denunciati come causati dal lupo, sono stati clamorosamente smentiti dopo l’analisi della predazione ( cani vaganti o rinselvatichiti ) a riprova che solo la competenza deve essere ascoltata e messa in campo.

L’allarmismo e la criminalizzazione del lupo tramite la stampa e ogni altra forma di comunicazione va addebitata alla mancanza di conoscenza dei lupi e della loro etologia e al tentativo, quasi sempre mosso da precisi interessi di parte o politici, di creare un nemico per poi chiederne l’abbattimento.

Le Regioni, così impegnate nel chiedere l’uccisione di questo animale non possono con proprie leggi intromettersi o violare norme nazionali. Un animale come il lupo non può essere gestito su scala regionale o locale in virtù delle sue caratteristiche biologico-etologiche.

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa si è pubblicamente speso con dichiarazioni ufficiali a difesa del lupo.

Chiediamo che questa impostazione giuridica ed etica sia confermata, unitamente all’impegno di tutto il Governo affinché cessino queste richieste di abbattimento e sia ufficialmente stabilito che NESSUNA FORMA DI ELIMNAZIONE DEI LUPI SARA’ TOLLERATA.
FIRMA LA PETIZIONE

Condividi
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati